Interpellanza provvedimenti sul traffico

0
257

RINNOVARE ROMANS
Gruppo Consiliare Comune di Romans d’ Isonzo

INTERPELLANZA

OGGETTO: richiesta chiarimenti e delucidazioni su soluzioni allo studio per risolvere i problemi della circolazione stradale nella frazione di Versa (vie Guglielmo Oberdan, De Claricini e Ara Pacis);

Il sottoscritto STEFANO CAREDDU, Consigliere Comunale del Gruppo Consiliare di “rinnovare Romans”, presso il Comune di Romans d’ Isonzo

PREMESSO CHE:

Nel Consiglio Comunale tenutosi in data 27 febbraio 2007 è stata discussa una mozione presentata dal Gruppo Consiliare di Rinnovare Romans (avente come primo firmatario il sottoscritto) avente ad oggetto: “Inquinamento acustico Strada Statale N° 252, richiesta accertamenti fonometrici nella frazione di Versa”. Tale mozione, a suo tempo ulteriormente arricchita ed integrata con il contributo della maggioranza, è stata poi votata ed approvata all’ unanimità dai due Gruppi Consiliari facendo emergere una indubbia volontà bipartizan a ricercare soluzioni di ampio raggio finalizzate alla risoluzione dei problemi legati alla circolazione stradale nell’ abitato di Versa. I punti allora approvati, vincolanti per l’ operato del Sindaco, della Giunta e dei membri del Consiglio Comunale, erano i seguenti:

Ø Instaurare un tavolo di confronto con ANAS, proprietario della Strada Statale 252, mediante il coinvolgimento di ARPA F.V.G., Regione, Provincia, rappresentanti di categoria dei trasportatori ed altre eventuali autorità/istituzioni, avente ad oggetto l’attraversamento veicolare nella frazione di Versa e l’individuazione di soluzioni adeguate;

Ø Indirizzare il confronto sulla materia ad un approccio il più possibile oggettivo, concordando con gli Enti coinvolti una campagna di rilievi fonometrici specifici sulla S.S. 252, importanti ai fini della valutazione dell’eventuale inquinamento acustico, acquisendo altresì dati ed informazioni riguardanti la dinamica ed i flussi direzionali dell’attraversamento veicolare, oltre ogni altro dato conoscitivo di valenza oggettiva che possa rappresentare base per lo studio e per l’attuazione di successivi interventi di mitigazione o di limitazione;

Ø Attivare azioni rientranti nella diretta autonomia operativa dell’ Ente, idonee a mitigare gli effetti derivanti dal traffico veicolare nella frazione di Versa e in particolare predisposizione di un piano di pattugliamento con telelaser, proseguimento di un programma di dotazione di impianti  semaforici, con l’ obiettivo di contribuire ad una parziale dissuasione nell’ attraversamento della frazione di Versa.

CONSIDERATO CHE:

In data 14-10-2007 ed in data 15-10-2007 sono stati pubblicati sulla stampa locale due articoli (vedere documentazione allegata) che riprendono un comunicato emesso a nome del Sindaco in cui si fa chiaramente riferimento all’ avvenuta individuazione di alcune possibilità di deterrente all’ elevata circolazione veicolare che dovrebbero essere di prossima attivazione ed al coinvolgimento nella questione da parte della Giunta di alcuni soggetti istituzionali, ovvero Anas, Arpa e Provincia di Gorizia. Mentre per quel che concerne le soluzioni indicate come di prossima attivazione, ovvero il controllo con telelaser da parte della Polizia Municipale e l’ installazione di un semaforo sensibile alla velocità (c.d. speed-advice) all’ altezza dell’ asilo nido, se ne era già parlato in passato, poco o niente al momento è invece dato sapere riguardo alle decisioni finora emerse dai rapporti intercorsi tra Comune di Romans, Anas, Arpa e Provincia. Negli articoli in questione viene fatto solamente un generico riferimento all’ obiettivo di addivenire a un definitivo inquadramento del problema partendo dai dati di emissione acustica e dai flussi di traffico tramite il coinvolgimento, a breve termine, dell’ Arpa per l’ acquisizione dei suddetti dati.

SOTTOLINEATO CHE:

Come più volte già ribadito e fatto presente in passati interventi i residenti di Versa in generale e quelli che abitano a bordo S.S. 252 in particolare (vie G. Oberdan e De Claricini in primis) sono a dir poco esasperati ed al contempo amareggiati dal protrarsi d’ una situazione di traffico ed inquinamento elevato che è divenuta, anno dopo anno, sempre più insostenibile. Attualmente il traffico dei mezzi pesanti (a cui va sommato anche quello, altrettanto consistente, di autovetture) principalmente nelle vie G. Oberdan, De Claricini e Ara Pacis è causa di pericolo per la circolazione ciclo-pedonale, inquinamento da polveri sottili e di notevoli danni ai fabbricati che fiancheggiano dette vie, i quali conseguentemente necessitano di continui interventi di consolidamento degli intonaci, delle tegole e dei tetti. Questa situazione è altresì ben nota alla Giunta ed allo stesso Sindaco, il quale, nel sopraccitato comunicato stampa, ben conscio di tutto ciò giustamente osserva (riporto le testuali parole): “il disagio dell’ attraversamento veicolare, specie traffico pesante, in via Oberdan è problema oggettivo… disagio acustico, polveri, emissioni e sostanziale pericolosità per la circolazione sono i termini del problema, che riguarda quasi 200 famiglie e che è collegato all’ attraversamento di una importante direttrice di traffico quale è la statale 252”.

CONVENUTO CHE:

La ricerca di valide soluzioni in ottemperanza alle disposizioni della mozione ed anche, a ragion del vero, a quanto ripetutamente esposto dalla Giunta in diverse sedute consiliari ed in particolare in sede di illustrazione del programma, rappresenta sicuramente un intervento valido e lodevole, finalizzato ad ottenere almeno una parziale attenuazione e mitigazione del problema dell’ impatto del traffico pesante (ma non solo) sul centro urbano di Versa. Da questo impegno emerge chiara la volontà degli amministratori di ricercare soluzioni valide e definitive all’ annosa questione che si protrae insoluta da oramai troppo tempo. Ritengo altresì che quella imboccata dalla Giunta sia finalmente la giusta strada da percorrere al fine di soddisfare le legittime richiesta di tutela avanzate a più riprese dagli abitanti della frazione. Quindi, nel prosieguo della ricerca d’ interventi validi ed efficaci, non verrà certamente a mancare il sostegno del Gruppo Consiliare di Rinnovare Romans che, in un ottica di collaborazione bipartizan, darà indubbiamente il suo appoggio a qualsiasi iniziativa finalizzata a perseguire la difesa della salute, dell’ incolumità e dei beni immobili dei cittadini.

INTERPELLA

Il sig. Sindaco del Comune di Romans d’ Isonzo o l’ Assessore competente per sapere:

  • Quali siano le decisioni o anche solamente le generiche direttive finora emerse dagli incontri intercorsi tra l’ Amministrazione Comunale di Romans d’ Isonzo, Anas, Arpa e Provincia di Gorizia;
  • Con quale metodologia ed entro quanto tempo verrà avviata la campagna di monitorizzazione dei dati di emissione acustica e dei flussi di traffico da parte dell’ Arpa;
  • Entro quanto tempo verrà presumibilmente installato il dispositivo semaforico sensibile alla velocità in prossimità dell’ asilo nido;
  • Se è al momento anche solamente in programma l’ installazione di un secondo dispositivo semaforico di tipo speed-advice in Viale Palmanova, in prossimità dell’ entrata in paese;
  • Entro quanto tempo avverrà la definitiva acquisizione del telelaser da parte dell’ Amministrazione Comunale e sarà quindi possibile il suo utilizzo da parte della Polizia Municipale.
  • Se esistano altre soluzioni al momento individuate o ipotizzate dalla Giunta finalizzate all’ abbattimento del traffico veicolare nella frazione di Versa in alternativa a quelle finora rese di pubblico dominio.

Romans d’ Isonzo, lì 18.10.2007 il Consigliere Stefano Careddu

Con richiesta di porre la questione all’ ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.